“BLOCCATA LA SCURE TREMONTIANA, IL DIRITTO ALLO STUDIO TOSCANO RESISTE” – Comunicato Stampa

“BLOCCATA LA SCURE TREMONTIANA, IL DIRITTO ALLO STUDIO TOSCANO RESISTE” – Comunicato Stampa

Giovani Democratici e PD in prima linea per gli studenti: il DSU toscano r-esiste! Comunicato Stampa Firenze, 19 luglio 2011 – “Grazie al nostro lavor...

Giovani Democratici e PD in prima linea per gli studenti: il DSU toscano r-esiste!

Comunicato Stampa

Firenze, 19 luglio 2011 – “Grazie al nostro lavoro ed all’impegno del gruppo PD in Consiglio regionale, la Toscana anche per il prossimo anno continuerà a garantire un vero diritto allo studio a tutti gli studenti capaci e meritevoli, benchè privi di mezzi, nonostante i tagli decisi dal governo Berlusconi”, esultano il Giovani Democratici della Toscana dopo l’approvazione ieri da parte della Giunta della delibera che fissa le linee per il Diritto allo studio in Toscana.

“Nelle scorse settimane – spiega Andrea Giorgio, segretario toscano dell’organizzazione giovanile del Pd – avevamo esposto con forza, sia nelle sedi di partito che sui giornali, la nostra contrarietà ad alcune proposte che circolavano sul bando di prossima pubblicazione da parte dell’Azienda regionale per il diritto allo studio (ARDSU), come l’ipotesi di fidejussione che avrebbero dovuto presentare gli studenti del primo anno per ricevere la prima parte della quota monetaria della borsa di studio che si riscuote a dicembre; l’introduzione dell’istituto della revoca, che avrebbe comportato, per chi al primo anno avesse vinto la borsa di studio senza poi raggiungere i requisiti di merito previsti, il dover restituire fino a 4.700€; l’innalzamento dei parametri di merito, nonostante che ad oggi, secondo il rapporto IRPET 2010, gli studenti borsisti hanno performance nettamente migliori agli altri”.

“Abbiamo lavorato assieme al Gruppo Pd in consiglio regionale ed al Vicepresidente Targetti perchè gli studenti fossero tutelati, e ci siamo riusciti: niente fideiussione e ipotesi di restituzione del denaro dunque, che rischiavano di trasformare la borsa di studio del primo anno in un prestito d’onore mascherato,  e niente nuovi criteri di merito. Con questa delibera il DSU toscano risponde con decisione alle politiche del governo ed anzi si rafforza, prevedendo sia una rivalutazione delle borse, fino a 4.700 euro per fuorisede, e del contributo affitto che sale a 155 euro.

“Di fronte ai tagli del Governo la Toscana dimostra ancora una volta che risponde sempre alle esigenze dei cittadini: dopo il Piano Giovani Si, il respingimento del ticket sanitario, ecco una nuova misura che marca con forza la differenza tra noi e la destra. Siamo orgogliosi del ruolo giocato in questa partita dalla Regione e dal PD a difesa dei diritti degli studenti, il diritto allo studio è baluardo della democrazia”, dichiara Andrea Giorgio, segretario regionale Giovani Democratici Toscana.

“Mai come oggi – aggiunge Gaetano Caravella, responsabile università GD Toscana – è avvertita la necessità di una stretta collaborazione tra i diversi attori del panorama universitario e istituzionale, un fronte comune in cui discutere di proposte concrete  per  rilanciare un progetto di diritto allo studio basato sull’idea di cittadinanza studentesca riconosciuta alla generalità degli studenti. Per questo apriremo un tavolo con le associazioni universitarie della toscana che vorranno starci, per costruire assieme una proposta e darle corpo e forza”.

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0