Pages Navigation Menu

La buona scuola

Oops, something went wrong.

Chi sono i Giovani Democratici

Siamo un gruppo di ragazzi tra i 14 ai 29 anni che condividono la passione per la politica impegnandosi in prima persona. Ci piace la Politica e non le chiacchiere. Ma sopratutto ci mettiamo la faccia. Siamo giovani, democratici e di sinistra.

Diventa un Giovane Democratico!

Articoli più recenti

I pescatori di Lampedusa e i fighetti di Capalbio

Posted by on Ago 22, 2016 in blog | Commenti disabilitati su I pescatori di Lampedusa e i fighetti di Capalbio

Il traghetto Porto Empedocle – Lampedusa, passaggio ponte, costa 41€ a persona. Sono poco più di 200 chilometri. E’ l’isola più lontana dall’Italia. In realtà è già Africa, attaccata com’è alla zolla africana e vicina alle sue coste più che alle nostre. 113 chilometri di mare, ma il biglietto costa fino a 100 volte quello del traghetto, per un viaggio nel buio, senza nemmeno uno scoglio nel mezzo e su barche che sono pezzi di legno tenuti a galla solo dalla speranza. Non portano bagagli i migranti sui barconi, non hanno niente altro che se stessi, un telefono a volte, la voglia di fuggire da storie e Paesi cui non possono chiedere niente. Una notte su quel mare è troppo lunga per non pensarci, mentre senza la luna il mare ed il cielo si distinguono appena e solo il rumore del motore e delle onde rompono il silenzio. Come è dover scappare da tutto quello che hai, dalle persone con cui sei cresciuto, dai tuoi luoghi, verso l’ignoto? Come è non avere alternative, essere costretti a farlo? Via via che luci del porto svaniscono restano i pensieri per i sorrisi e le speranze sepolte in quel tratto di acqua, migliaia e migliaia, e per l’indifferenza vigliacca, quando va bene, con cui trattiamo chi arriva....

Read More

Capalbio e i migranti: la tempesta di Ferragosto

Posted by on Ago 22, 2016 in blog | Commenti disabilitati su Capalbio e i migranti: la tempesta di Ferragosto

Subito dopo Ferragosto, il “caso Capalbio” è ormai diventato un tema di livello nazionale, dibattuto da ogni sorta di esperti (o presunti tali), sui media, sui social network e nell’agone politico. Il “rifiuto” del sindaco PD Luigi Bellumori, di accogliere cinquanta richiedenti asilo, in una struttura extra lusso della “Piccola Atene” ha scatenato una miriade di commenti e di opinioni, spesso date senza conoscere la realtà dei fatti. La situazione è complessa, ma come troppo spesso accade di questi tempi, si cerca di dargli una lettura troppo semplicistica, creando caos. Il modello di accoglienza diffusa che ormai da tempo la Regione Toscana sta attuando si sta dimostrando efficace, soprattutto perché permette un rapporto e un confronto con le amministrazioni comunali che ospitano sul territorio. I comuni che tramite questo meccanismo hanno accolto migranti richiedenti asilo sono moltissimi, in ogni parte della regione, dai più grandi ai più piccoli, per questo anche Capalbio deve accogliere e lo farà. Il punto infatti non è sull’accogliere o meno, ma sul come farlo. Il borgo di Capalbio d’inverno conta molti meno abitanti rispetto alla stagione estiva, ed ecco perché accogliere cinquanta richiedenti asilo in un posto che d’inverno ne conta poco più del doppio, non attrezzato per un simile numero potrebbe essere un problema, in più se il tutto...

Read More

Legge 194, storia di un diritto minacciato

Posted by on Ago 18, 2016 in blog, News | Commenti disabilitati su Legge 194, storia di un diritto minacciato

Nel 1978 il Parlamento italiano approvò la legge n. 194 “ Norme per la tutela sociale della maternità e sull’interruzione volontaria della gravidanza”. Questo fu il punto di approdo dell’iniziativa portata avanti durante tutto l’arco degli anni ’70 dai movimenti femminili e da alcune componenti dello schieramento politico parlamentare, per affrontare e risolvere non solo la vergognosa piaga dell’aborto clandestino, ma anche per adeguare la nostra legislazione a quella di Paesi europei più avanzati e stabilire un rapporto libero...

Read More

Guglielmo Minervini, un innovatore meridionale

Posted by on Ago 18, 2016 in blog | Commenti disabilitati su Guglielmo Minervini, un innovatore meridionale

Forse la descrizione migliore di Guglielmo Minervini l’ha scritta su Facebook il consigliere regionale PD Sergio Blasi : ” è morto Guglielmo, il ragazzo di Don Tonino, l’assessore dei giovani, il combattente di grandi, entusiasmanti battaglie per la Puglia. È morto l’uomo dei movimenti prestato alle istituzioni, un uomo che stava scomodo sulla sedia del potere, ma che sentiva la responsabilità di doverci essere.” Guglielmo Minervini era un politico a servizio della propria comunità, un politico che ha provato...

Read More

CAPORALATO, SENATO APPROVA IL DISEGNO DI LEGGE. SRADICHIAMO QUESTA PIAGA SOCIALE

Posted by on Ago 11, 2016 in blog, News | Commenti disabilitati su CAPORALATO, SENATO APPROVA IL DISEGNO DI LEGGE. SRADICHIAMO QUESTA PIAGA SOCIALE

Una svolta storica e un segnale sociale importantissimo, con 190 voti a favore, 32 contrari e nessun astenuto il Senato ha, finalmente, approvato il disegno di legge per il contrasto al caporalato. Il testo passa ora all’esame della Camera. E’ punito con la reclusione da uno a sei anni e con la multa da 500 a 1.000 euro per ciascun lavoratore reclutato, chiunque assuma manodopera per destinarla al lavoro presso terzi in condizioni di sfruttamento, approfittando dello stato di...

Read More

Bologna, 2 agosto 1980, ore 10.25

Posted by on Ago 2, 2016 in blog, News | Commenti disabilitati su Bologna, 2 agosto 1980, ore 10.25

Renato Guttuso dipinse un quadro intitolato “Il sonno della ragione genera mostri” che venne pubblicato per un numero speciale deL’Espresso qualche giorno dopo il 2 agosto 1980. Quadro dedicato alla Strage di Bologna, che, quel 2 agosto di ormai trentasei anni fa segnò la storia del nostro Paese. L’acquerello raffigura un mostro enorme ma dalla testa piccola, che con un pugnale in una mano ed una bomba nell’altra, colpisce dei corpi, morti e morienti, di adulti e bambini. E’ utile impiegare il...

Read More

Una verità aspetta per sbocciare

Posted by on Lug 29, 2016 in blog, News | Commenti disabilitati su Una verità aspetta per sbocciare

“Una verità aspetta per sbocciare la riunione dei suoi elementi” disse qualche secolo fa Jean-François Marmontel. Una riunione di elementi che, soprattutto nel processo penale, rappresenta l’unico percorso in grado di ricostruire quella verità processuale che riesca ad identificarsi con quella che è la verità storica. E’ capitato più volte nel nostro Paese che la riunione di elementi perdesse quella completezza in grado di riformulare quanto accaduto e fungere da base all’accertamento di una responsabilità per quanto storicamente accaduto....

Read More